Mondo vino

Le fasi lunari e la viticoltura biologica

 

Qualcuno asserisce che l’effetto dei movimenti lunari non si limiti a generare le maree ma influisca in vari modi sul comportamento di tutti gli esseri viventi, caratterizzando sin dalla nascita qualità e stile di vita di ogni organismo.

Il mondo della viticoltura biologica, che ama applicare le conoscenze provenienti dalla tradizione per ottenere prodotti di origine vegetale ecosostenibili, autoctoni, economici, e sani, segue le cadenze del calendario lunare rispettando i mesi ed i giorni dell’anno solare indicati come più adatti per dedicarsi alle attività vitivinicole principali come l’impianto dei vigneti, la potatura delle viti  e la vendemmia dell’uva,  la svinatura, travasi e l‘imbottigliamento del vino.

Il calendario lunare in vendita online registra le date mensili dell’anno, secondo il calendario Gregoriano, in associazione con le fasi lunari corrispondenti. Indica cioè le posizioni che la Luna viene ad assumere nel corso dell’anno sinodico, e che si ripetono ciclicamente nei dodici mesi. Le otto diverse posizioni sono: Luna nuova o Novilunio, Luna crescente Primo quarto, Gibbosa crescente, Luna piena o Plenilunio, Gibbosa calante, Ultimo quarto, e Luna calante.

Il calendario lunare segnala i quattro giorni in cui avvengono Noviluni, Primi quarti, Pleniluni e Ultimi quarti, spesso indica le ore in cui la Luna sorge e tramonta, a volte è unito ad una comoda agenda delle semine e dei raccolti in cui i viticoltori registrano le operazioni più importanti da compiere.

In verità comprendere le fasi lunari non è molto semplice, in primo luogo perché la Luna non gode di luce propria ma viene illuminata dal Sole, in secondo luogo perché la visione del satellite, che si ricava dal punto di vista terrestre, risulta diversa nei due emisferi, l’ australe e il boreale.

Il mese lunare inizia con un Novilunio e termina con il Novilunio del mese successivo.

La Luna Nuova è invisibile perché la sua faccia, rivolta verso la Terra, in questa posizione non può venir illuminata dal Sole. La Luna Nuova sorge e tramonta insieme alla stella, e in ciascun mese dell’anno sinodico dà inizio ad un nuovo ciclo, il quale, attraverso il Primo quarto e la Gibbosa crescente, raggiunge l’apice con la Luna Piena. Successivamente, la Gibbosa calante e l’Ultimo quarto condurranno ancora ad un Plenilunio.

In genere secondo la tradizione dei viticoltori delle nostre terre i movimenti lunari essenziali alla benessere di vitiuva e vino  sono compresi all’interno di due ben distinti periodi del mese, nel primo dei quali la posizione della Luna può essere definita fase di Luna Crescente e l’altro, l’opposto, in cui la posizione del satellite naturale rispetto alla Terra viene identificata come fase di Luna Calante.